Lilla Vancheri

Lilla Vancheri inizia lo studio della danza classica sotto la guida di Stefanella Testa. In seguito si iscrive alla scuola di danza di Mimma Testa di Roma, dove ha avuto l’opportunità di studiare con la stessa Mimma, Marina Romani e con i vari maestri ospiti che si sono succeduti nel corso degli anni quali: S. Minsk, Grant Muradof, Leda Lojodice, W. Lupov, B. Niktch, Sabine Le Blancs per la tecnica accademica; J. Dudan, Plevin, Elsa Piperno, Joseph Fontano, Mamy Romeira per le tecniche moderne Limon e Graham. Nel 1986 consegue l’abilitazione all’insegnamento dal Ministero della Pubblica Istruzione con la prof. Fausta Gaggi presso l’Accademia Nazionale di Danza.

Lilla Vancheri svolge l’attività didattica da più di trent’anni ha lavorato presso scuole di danza private e pubbliche tra cui:

A.S. FIDIA di Roma ; San Pio X, Guglielmina Ronconi, Guido Alessi, Villaggio Olimpico-Roma

Dal 2007 al 2013 docente di tecnica classica presso la Musical Theater Academy di Marco D. Bellucci-Roma.

Da diversi anni collabora con la scuola di danza Rusckaja diretta da Joceline Milochau -Diamante (Calabria)

Dal 2016 al 2019 insegnante presso la scuola Danzarea di Izumi Suekuni. Dal 2016 ad oggi, sono docente di tecnica classica, propedeutica e moderno presso la scuola Invito alla Danza di Marina Michetti. Dal 2017 ad 2020, docente presso la Natalia Titova Academy.

Come danzatrice invece dal 1976 al 1986 danza con la compagnia Balletto Mimma Testa. Dal 1983 al 1986 danza con la compagnia Invito alla Danza diretta da Marina Michetti e dal 1981 al 1999 collabora col Teatro Verde come coreografa in diversi spettacoli dedicati ai bambini.

Dal 1992 ad oggi inizia la collaborazione con la produzione teatrale La Bilancia sia in qualità di coreografa che di aiuto regia in vari spettacoli ed eventi, diretti da Roberto Marafante, tra i quali: “Ladies Night”, “Tutta di tutti”, “Visitatori illustri, “La congiura”, “Il Giulio Cesare” di Shakespeare, “Nerone” di Petrolini e l’emozionante “L’ istruttoria” di Peter Weiss in occasione del giorno della Memoria.

In occasione della presentazione della collezione autunno-inverno 1999/2000 di Rocco Barocco collabora come aiuto regia e cura i movimenti coreografici della sfilata, nella splendida cornice dei Fori Imperiali.

Nel 2000 crea una sua propria associazione “A piccoli passi” dalla quale nasce un progetto teatrale dal titolo “C’ era una volta…un sogno” portato in scena in vari teatri di Roma tra cui: Teatro comunale “Velly” di Formello, Teatro Cassia e Auditorium Parco della Musica di Roma.